CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

3 settembre 2013

Accordi contenuti nel contratto preliminare di cessione di quote sociali e non riprodotti nel definitivo

Qualora le parti, dopo aver stipulato un contratto preliminare, concludano in seguito il contratto definitivo, quest’ultimo costituisce l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni inerenti al particolare negozio voluto e non mera ripetizione del primo, in quanto il contratto preliminare resta superato da questo, la cui disciplina può anche non conformarsi a quella del preliminare, salvo che i contraenti non abbiano espressamente previsto che essa sopravviva. La presunzione di conformità del nuovo accordo alla volontà delle parti può, nel silenzio del contratto definitivo, essere vinta soltanto dalla prova di un accordo posto in essere dalle stesse parti contemporaneamente alla stipula del definitivo, dal quale risulti che altri obblighi o prestazioni, contenute nel preliminare, sopravvivono, dovendo tale prova essere data da chi chieda l’adempimento di detto distinto accordo. Al contempo, tuttavia, il preliminare può contenere stipulazioni autonome e di per sé efficienti, non bisognose di ulteriore puntualizzazione negoziale e come tali non travolte dalla successiva mancata menzione nel contratto definitivo (nella specie, il Tribunale, pur rilevando che le garanzie relative alla cessione delle quote contenute nel preliminare non venivano riprodotte nel contratto definitivo, ritiene che tali clausole rappresentino autonomi impegni negoziali di per sé già pienamente efficaci indipendentemente dalla loro riproduzione nel contratto definitivo).

Il termine di prescrizione quinquiennale ex art. 2949 c.c. è riferito ai diritti che derivano dai rapporti sociali e dunque non risulta applicabile a diritti traenti origine non dal patto sociale in senso proprio ma da specifiche pattuizioni inerenti il trasferimento delle quote di partecipazione, pattuizioni di per sé indipendenti rispetto alla vita dell’ente.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/18j7ZP4
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici