CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

4 ottobre 2016

Azione di responsabilità contro amministratore di s.r.l., inammissibilità della sua revoca ex lege e violazione del divieto di concorrenza

Non può essere considerato responsabile l’amministratore che abbia praticato degli sconti eccessivi alla clientela in un periodo di crisi economica, ricadendo questo nelle scelte squisitamente gestorie e come tali giuridicamente irrilevanti, salvo dar prova di una violazione del dovere di diligente gestione.

Non è applicabile analogicamente alla s.r.l.  la fattispecie di revoca ex lege prevista per il caso di delibera di promuovimento dell’azione sociale di responsabilità dall’art. 2393 co. 5 c.c., non sussistendo per la s.r.l. le ragioni collegate alle soglie azionarie ivi contemplate.

Nell’esercizio del potere di riduzione della penale ex art. 1384 c.c., il giudice non deve valutare l’interesse del creditore con esclusivo riguardo al momento della stipulazione della clausola, bensì anche a quello in cui l’obbligazione sanzionata è stata violata, dovendo dare rilievo anche alle circostanze manifestatesi durante lo svolgimento del rapporto poiché anche in tale fase trovano applicazione i principi di solidarietà, correttezza e buona fede, di cui agli artt. 2 Cost. e 1175 e 1375 c.c..

L’annullabilità di un contratto per violenza morale ex art. 1436 c.c. si verifica solo qualora uno dei contraenti subisca una minaccia specificamente finalizzata ad estorcere il consenso alla conclusione del contratto tale da incidere, con efficienza causale, sul determinismo del soggetto passivo; non si verifica invece quando la determinazione della parte sia stata provocata da timori meramente interni ovvero da personali valutazioni di convenienza, senza cioè che l’oggettività del pregiudizio sia stata idonea a condizionare un libero processo determinativo delle scelte.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2jnjmRH

Chiara Presciani

Laurea in giurisprudenza con 110 e lode presso l’Università degli studi di Bergamo
Dottorato di ricerca in Diritto Commerciale (XXIX ciclo) presso l’Università degli studi di Brescia.(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici