CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

15 dicembre 2016

Azione di responsabilità ex artt. 2393 e 2394 c.c., nullità della citazione e riflessi in tema di prescrizione, responsabilità per omesso controllo.

La nullità della citazione ex art. 164 co. 4 c.p.c.,  avendo come presupposto l’indeterminatezza dei fatti contestati, esclude la salvezza de “gli effetti sostanziali e processuali” della domanda, invece prevista per la diversa fattispecie di cui all’art. 164 co. 1 c.p.c.: in tal senso, infatti, solo il nuovo “atto integrativo” vale a individuare la domanda prodotta in giudizio, senza alcun limite in relazione all’ampiezza dei poteri dispositivi dell’attore.

La notifica dell’atto di citazione dichiarato nullo ex art. 164 co. 4 c.p.c. non vale ad interrompere la prescrizione ai sensi dell’art. 2943 co. 1, c.c. (con gli ulteriori effetti di cui all’art. 2945 co. 2 c.c.); tuttavia, non si esclude che il medesimo atto, recando comunque una precisa indicazione del petitum rivendicato e del titolo giuridico che fin dall’origine si intendeva far valere, insieme con una pur generica contestazione dei fatti addebitati, possa valere ai più limitati fini di “messa in mora” dei destinatari rilevante ex art. 2943 co. 4 c.c..

In materia di illecito civile, la prescrizione del diritto al risarcimento del danno decorre dal momento in cui il danneggiato ha avuto reale e concreta percezione dell’esistenza e gravità del danno stesso, nonché della sua addebitabilità ad un determinato soggetto, ovvero dal momento in cui avrebbe potuto avere tale percezione usando l’ordinaria diligenza (così da ultimo Cass. 4899/2016; in origine Cass. SS.UU. 576/08).

La denuncia di una complessiva inadeguatezza degli assetti organizzativi della società così come del dovere degli amministratori di “agire informati” finisce per riproporre una fattispecie di responsabilità per “omesso controllo” (di fatto una sorta di vera e propria “responsabilità oggettiva”), deliberatamente rifiutata dalla riforma del 2003 con l’abrogazione della generale previsione di cui al previgente art. 2392 co. 2 c.c..

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2k6NC0W
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici