CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

25 ottobre 2016

Azione di responsabilità sociale e nomina di curatore speciale; veridicità del bilancio d’esercizio e interpretazione degli obblighi contrattuali

In caso di azione di responsabilità sociale svolta da un socio, la nomina di un curatore speciale della società litisconsorte si rende necessaria solo ove quest’ultima si costituisca in giudizio in persona dell’amministratore o liquidatore convenuto, sussistendo solo in tal caso un conflitto d’interessi rilevante ex art. 78 c.p.c. tra la società e il suo rappresentante legale; ne deriva che, successivamente alla sua nomina, il curatore speciale può prendere piena visione degli atti processuali costituendosi in giudizio, senza che parte attrice debba procedere ad alcuna rinnovazione dell’atto di citazione o riassunzione del processo nei suoi confronti.

La condotta dell’amministratore che, pur in presenza di un testo contrattuale oscuro, fornisca un’interpretazione degli obblighi ivi previsti sostanzialmente «scorretta e pregiudizievole» per gli interessi della società da lui amministrata e favorevole invece a controparte (nel caso di specie, una società nella quale egli vantava altresì un interesse diretto), può costituire fonte di responsabilità a suo carico; ma la corrispondente rappresentazione contabile nel bilancio d’esercizio di tali fatti gestori non può dirsi di per sé “falsa” o comunque “scorretta”, in quanto coerente con le vicende che hanno caratterizzato, in effetti, l’esecuzione del contratto. Ne deriva che, accertata la validità della delibera di approvazione del bilancio d’esercizio, nessun danno può discendere a carico della società in seguito alla sua messa in liquidazione dovuta alla perdita di capitale sociale rappresentata in tale bilancio (in particolare, parte attrice aveva richiesto il risarcimento dei danni subiti in dipendenza della indebita messa in liquidazione della società e non – invece – della condotta asseritamene colpevole tenuta dagli amministratori).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2jTnLfF

Enrico Rino Restelli

Avvocato e dottorando di ricerca in diritto societario e diritto dei mercati finanziari

(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici