CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

27 marzo 2017

Carenza di legittimazione ad agire del presunto licenziatario esclusivo e del periculum in mora in un procedimento cautelare

Deve escludersi la sussistenza della legittimazione ad agire quando la società ricorrente non abbia fornito la prova, nonostante la contestazione, della titolarità del diritto azionato e neppure della sussistenza del potere di promuovere l’azione cautelare inibitoria. Una volta che tale potere sia contestato dalla parte costituita, infatti, incombe su chi agisce in giudizio provare la titolarità del diritto e, quanto al soggetto non titolare dei diritti di privativa, il diritto di promuovere l’azione per fare valere lo ius excludendi. Tale onere non è correttamente adempiuto quando la società ricorrente per contraffazione di brevetto e di modello di utilità, pur non essendo titolare dei diritti di privativa azionati in via cautelare, facendo valere lo ius excludendi, e pur avendo allegato la qualità di licenziatario, non solo non abbia indicato se è licenziataria esclusiva o meno, ma neppure abbia indicato, e tantomeno provato, la fonte negoziale attributiva del potere di promuovere l’azione in sostituzione del titolare, con particolare riguardo all’azione di contraffazione e allo ius excludendi, attraverso l’inibitoria.

Sebbene l’attualità della commercializzazione di un prodotto contraffatto possa giustificare il periculum in mora anche in presenza di una situazione iniziata tempo prima dell’instaurazione del giudizio cautelare, il periculum in mora va valutato tenendo in considerazione tutte le circostanze del caso di specie, tra le quali anche quella relativa al lasso di tempo intercorso tra la consapevolezza della contraffazione e la reazione giudiziari, nonché la condotta complessivamente tenuta, sia in giudizio che stragiudizialmente, dal soggetto che ha agito in via cautelare (nel caso di specie rilevava ad escludere la sussitenza del periculum, il fatto che la ricorrente, prima dell’azione cautelare, e nonostante il rilevante tempo decorso, risalente ad anni addietro, non abbia neppure inviato una diffida alle resistenti e abbia agito, dichiarando di essere venuta a conoscenza della dedotta contraffazione poco prima dell’instaurazione del giudizio).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2qyFE2r
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici