CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

3 novembre 2017

Competenza del Tribunale delle imprese, esclusione del socio moroso e occupazione sine titulo

Secondo quanto disposto dall’art. 3, comma 3, d. lgs. 168/2003, la competenza della sezione specializzata in materia di impresa sussiste anche quando la controversia, pur non rientrando nelle ipotesi previste dai primi due commi del suddetto articolo, presenta profili di connessione oggettiva propria con i procedimenti previsti dall’art. 3, commi 1 e 2, d. lgs. 168/2003 (nel caso di specie il Tribunale, rilevata la pregiudizialità dell’accertamento in merito alla legittimità della delibera di esclusione da socio del convenuto e la competenza della sezione specializzata sulla questione, ha confermato la competenza della medesima Sezione a provvedere anche sulle altre domande di rilascio, pagamento dei canoni e dell’indennità per occupazione e sulla conseguente richiesta di dichiarare il socio escluso decaduto dall’assegnazione dell’alloggio sociale).

In caso di mancato versamento del canone mensile di godimento dell’immobile può essere deliberata l’esclusione del socio moroso dalla cooperativa, qualora l’intimazione di pagamento non abbia sortito alcun effetto.

In caso di occupazione sine titulo di un immobile, l’occupante è tenuto a corrispondere una indennità calcolata in misura corrispondente al canone di godimento, maggiorato delle spese di utilizzo dell’immobile. Ciò in attuazione del principio sancito dall’art. 1591 c.c. in tema di locazione che, come chiarito dalla giurisprudenza di legittimità, trova applicazione a tutti i tipi di contratto con i quali viene concessa l’utilizzazione del bene dietro il pagamento di un corrispettivo, per l’ipotesi in cui il concessionario continui ad utilizzare il bene oltre la scadenza del termine finale del rapporto senza averne più il titolo (Cass. n. 15301/2000).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2Hny3Mw

Nunzia Gaetani

Avvocato

Laurea in Giurisprudenza presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; Master in Diritto Societario; Diploma presso la Scuola di specializzazione per le professioni legali. Iscritta all'Ordine degli...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici