CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

La denominazione di origine protetta: ordinanza d’ingiunzione per violazione dell’ art. 5, comma I, D.lgs. n. 297/2004

Il D.lgs. 19.11.2004, n. 297, recante “Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di origine dei prodotti agricoli e alimentari”, non può dirsi abrogato in seguito all’entrata in vigore del successivo regolamento comunitario n. 510/2006. La giurisprudenza della Suprema Corte, infatti, ha chiarito che, in tema di illeciti amministrativi per violazione dei regolamenti comunitari, la normativa sanzionatoria resta in vigore finché restino in vigore gli obblighi comunitari, a prescindere dalla eventuale novazione della loro originaria fonte normativa attraverso la sostituzione del regolamento richiamato con altri posteriori, purché questi non immutino, dal punto di vista oggettivo o soggettivo, il contenuto dei suddetti obblighi facendo venir meno la corrispondenza tra il precetto preso in esame dal legislatore e la sanzione in relazione ad esso stabilita (Cass. n. 150/1998; Cass. n. 8562/1998).

All’originario regolamento n. 2081/1992 sono succeduti i regolamenti nn. 510/2006 e 1151/2012, che non hanno apportato sostanziali modifiche alla disciplina di tutela fornita alle D.O.P. dal primo regolamento del 1992; pertanto gli obblighi comunitari, a tutela dei quali il legislatore nazionale ha adottato la disciplina sanzionatoria del D.lgs. n. 297/2004, sono rimasti sostanzialmente immutati nel tempo.

Alla luce della rubrica dell’art. 14 del Reg. CE n. 510/2006, “Relazione tra marchi, denominazioni di origine e indicazioni geografiche”, tenuto conto che il legislatore europeo ha dettato una disciplina specifica in materia di marchio comunitario (Reg. CE n. 40/94) e considerato l’alto grado di tecnicismo proprio della legislazione comunitaria, il Tribunale non condivide l’interpretazione estensiva dell’art. 14 del Reg. cit.  data dagli opponenti, che estende la portata del termine “marchio” fino a farvi ricomprendere ogni segno distintivo, compresa la denominazione sociale.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2fDyplP
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici