CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

28 marzo 2017

La fattispecie del look-alike dei prodotti come figura di concorrenza sleale confusoria

Il termine look-alike è usato dalla dottrina e dalla giurisprudenza anche italiane per definire un prodotto che imita consapevolmente un bene di un marchio affermato, con modalità che comportano un significativo rischio di confusione, derivante in particolare dalle caratteristiche delle confezioni e dalle tecniche di offerta della merce nelle grandi catene di distribuzione.

Quando l’aspetto esteriore del prodotto contestato ricalca quello dell’altro sia nel suo aspetto globale sia nella scelta delle immagini di dettaglio, si viene a creare una situazione confusoria riconducibile alla fattispecie di cui al n. 1 dell’art. 2598 c.c. poihè l’acquirente che vede simultaneamente i due prodotti esposti sullo stesso o su attigui scaffali del supermercato è indotto a confondersi, scambiandoli, ritenendoli equivalenti o, quantomento, provenienti dalla medesima impresa.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2txqrSh
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici