CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

11 ottobre 2016

Legittimazione del curatore fallimentare e presupposti dell’azione di responsabilità nella srl

Il curatore fallimentare, ex art. 146 l.f., è legittimato ad esercitare, anche cumulativamente sia l’azione sociale di responsabilità, sia quella spettante ai creditori sociali, atteso il carattere unitario ed inscindibile dell’azione di responsabilità.

La responsabilità degli amministratori di S.r.l., di cui all’art. 2476 c.c., ha natura contrattuale: parte attrice, quindi, deve allegare, l’inadempimento -da parte dell’amministratore- degli obblighi a lui imposti dalla legge e/o dall’atto costitutivo e/o dal generale obbligo di vigilanza e di intervento preventivo o successivo, al fine di evitare il determinarsi di eventi dannosi; parte attrice deve inoltre provare il danno subito, nonchè la riconducibilità della lesione al fatto dell’amministratore inadempiente, quand’anche cessato dall’incarico.

In forza dell’art. 2346 c.c., ancorchè non sia previsto esplicitamente, i creditori sociali possono esercitare l’azione di responsabilità contro gli amministratori, analogamente a quanto previsto dall’art. 2395 c.c. in tema di Spa. La responsabilità nei confronti dei creditori sociali ha natura extracontrattuale  e sussiste invece nel caso in cui il comportamento degli amministratori abbia causato una diminuzione del patrimonio sociale, rendendolo inidoneo ad assolvere la sua funzione di garanzia generica (art. 2740 c.c.) al soddisfacimento dei debiti assunti nei confronti dei creditori sociali.

Per quanto riguarda invece la domanda risarcitoria nei confronti del socio, l’art. 2476, 7° comma, c.c. estende la responsabilità solidale, unitamente agli amministratori, anche ai soci che si siano intromessi nella gestione della società, intenzionalmente decidendo o autorizzando il compimento di atti dannosi per la società, per i soci e per i terzi, a prescindere dal fatto che ciò sia avvenuto in forza di un potere loro attribuito per legge o per statuto ovvero semplicemente di fatto ed anche solo in via occasionale.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2o8ZOSE
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici