CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

12 dicembre 2016

Nozione ed obbligazioni in un contratto di sponsorizzazione con scambio di beni

Il contratto di sponsorizzazione con scambio di beni è un negozio atipico a titolo oneroso e prestazione corrispettive, con il quale viene istituito uno specifico abbinamento tra un avvenimento ed i prodotti o il marchio dello Sponsor; a quest’ultimo viene concesso l’utilizzo sui propri prodotti di marchi ufficiali della manifestazione, accompagnati dalla dizione “Sponsor ufficiale” o “fornitore ufficiale”, scopo attuato anche attraverso un accordo c.d. di licensing. Da tale qualificazione discendono le seguenti conseguenze:
– le obbligazioni dello sponsorizzato sono di mezzi e non di risultato, in quanto il debitore è tenuto a svolgere solo quelle attività previste dal
contratto, ma senza garantire un ritorno pubblicitario al creditore;
-il rapporto negoziale è caratterizzato da un rilevante carattere fiduciario, rispetto al quale assumono particolare importanza i doveri di
correttezza e buona fede, che gli artt. 1175 e 1375 cod. civ. pongono a carico delle parti nello svolgimento e nell’esecuzione del rapporto obbligatorio e che danno luogo a prestazioni ulteriori o integrative rispetto a quelle principali;
– alla luce di tali standard di comportamento a carico dello Sponsee, ne consegue che anche l’inadempimento degli obblighi integrativi può produrre
la risoluzione del contratto, ove il giudice di merito accerti che esso non è di scarsa importanza in relazione all’economia generale del rapporto.
Resta fermo comunque che l’inadempimento o l’inesatto adempimento di una singola obbligazione possono agire sull’intero contratto in modo tale da
legittimare la risoluzione solo nel caso in cui la prestazione inadempiuta avesse valore primario nell’economia del contratto ovvero fosse di tale
rilevanza da fare venire meno l’utilità della prestazione principale.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2ms3aQ2

Valentina Borgese

Dopo aver conseguito la laurea presso l’Università di Palermo (oggetto della tesi: Le reti d’impresa; relatore Prof. Rosalba Alessi), ha svolto il Tirocinio presso la Sezione Impresa A del Tribunale di...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici