CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

29 giugno 2017

Sulla revoca cautelare degli amministratori di s.r.l.

Il ricorso in via cautelare per la revoca dell’amministratore di s.r.l. deve considerarsi genericamente ammissibile, a prescindere dall’esercizio dell’azione di responsabilità; la revoca deve dunque considerarsi come misura cautelare idonea ad anticipare gli effetti della sentenza di merito.

Il conflitto di interessi tra amministratore munito di rappresentanza legale e società (presupposto per la sua revoca in via cautelare con conseguente nomina di un curatore speciale, ex art. 78 c.p.c.) si configura solo a fronte di un contrasto tra un interesse della società (es. il diligente adempimento dei doveri gestori) e un interesse extrasociale, personale, dell’amministratore; non invece quando si contestano la soddisfazione di interessi tutti iscrivibili al piano sociale, rispetto ai quali si determina non un conflitto di interessi, ma una controversia di merito sulla lesione o no di quell’interesse. Ancora, il conflitto di interessi non può dedursi dal solo fatto che l’amministratore di cui si chiede la revoca sia anche la legale rappresentante della società.

La revoca risulta legittima solo a fronte di “gravi irregolarità nella gestione”, espressione che deve senza dubbio ritenersi comprensiva dell’inadempimento di tutti gli obblighi amministrativi imposti da legge o statuto, e non solo di quelli strettamente gestionali.
La revoca risulta poi legittima laddove si ritenga essere in grado di ovviare a situazioni pregiudizievoli, in atto o altamente probabili, quanto alla corretta gestione societaria, e/o essa sia necessaria sulla base di una prognosi di convincente probabilità di future condotte gravemente irregolari dei componenti del c.d.a.. In caso contrario, la revoca degli amministratori “si risolverebbe nella traumatica decapitazione della governance societaria con conseguenze di per sé presumibilmente negative per la prosecuzione dell’impresa sociale”.

Le esigenze cautelari devono  essere attuali, così venendo meno laddove si ponga rimedio alle doglianze.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2xgnaHu
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici