CERCA UNA SENTENZA

Trova le sentenze con una ricerca libera o per argomento suggerito:

ricerca
avanzata

(altri criteri di ricerca)

Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:
Registro e codice:

n° progressivo

anno

12 marzo 2015

Versamenti dei soci in conto futuro aumento di capitale: natura, tipologie e limiti alla tutela restitutoria.

Tra l’ipotesi dell’erogazione di fondi dal socio alla società a titolo di mutuo e quella del formale conferimento a titolo di aumento di capitale (già deliberato), la prassi ha elaborato una terza via, costituita da versamenti, variamente denominati, la cui comune caratteristica consiste nell’essere destinati a incrementare il patrimonio della società – talvolta anche sotto forma di copertura di perdite – senza però riflettersi sul capitale nominale della società stessa e senza perciò essere sottoposti ai vincoli legali propri del capitale sociale in senso stretto.

 

I versamenti dei soci in conto futuro aumento del capitale sociale, una volta eseguiti, vanno a costituire una riserva – non di utili ma di capitale – soggetta alla stessa disciplina della riserva da sovrapprezzo, seppure personalizzata o targata, in quanto di esclusiva pertinenza dei soci che hanno effettuato i versamenti in relazione all’entità delle somme di ciascuno erogate.

 

Nell’ampia categoria degli apporti finanziari dei soci destinati a incrementare il patrimonio della società occorre distinguere tra i versamenti genericamente effettuati in conto capitale e quelli che si riferiscono ad un futuro e ben determinato aumento del capitale sociale. I primi costituiscono apporti di patrimonio dei quali la società è libera di disporre come di qualsiasi altra riserva (anche, ma non necessariamente, adoperandoli in futuro per aumentare il capitale nominale), senza che possa venire in questione alcun diritto al rimborso del socio fin quando non sia stata liquidata l’impresa collettiva; i secondi sono avvinti da un collegamento causale a un prossimo aumento del capitale sociale, con la conseguenza che il versamento eseguito dal socio è solo provvisoriamente da includere tra le riserve e deve poi, ove l’assemblea effettivamente deliberi l’ipotizzato aumento del capitale nominale della società, rifluire in quest’ultima posta di bilancio ed assumere i caratteri tipici del conferimento di capitale.

 

Nel caso di versamento destinato ad un futuro e ben determinato aumento di capitale poi non deliberato dall’assemblea (la quale, ovviamente, è del tutto libera nelle sue determinazioni), il socio avrà diritto alla restituzione di quanto versato per essere venuta successivamente meno la causa giustificativa dell’attribuzione patrimoniale da lui eseguita in favore della società.

 

Nell’attività ermeneutica volta a ricostruire la natura dell’apporto non può conferirsi valore decisivo alle denominazioni adoperate, occorrendo, piuttosto, ricostruire il contenuto concreto dell’accordo intercorso tra le parti del “rapporto di conferimento” (società e soci eroganti). Laddove sia pacifico che il versamento del socio alla società sia stato effettuato non a titolo di mutuo bensì come apporto di capitale di rischio, il diritto alla restituzione delle somme erogate, prima e al di fuori del procedimento di liquidazione della società, sussiste solo qualora il conferimento sia stato risolutivamente condizionato alla mancata successiva deliberazione assembleare di aumento del capitale nominale della società e la delibera in questione non sia intervenuta entro il termine convenuto dalle parti o fissato dal giudice.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/1FmIrP9
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code

Scopri
CHI SIAMO

Tutte le informazioni su giurisprudenzadelleimprese.it: il curatore, lo staff e il network di competenze che rendono possibile l'esistenza di questo portale.

Grazie al
PATROCINIO di:

Associazione
Disiano Preite

per lo Studio
del Diritto
delle Imprese

Seguici!

Iscriviti alla newsletter:

(trattamento dati)

oppure su:

Sostienici

Si ringrazia:

logo Marchi & Brevetti Web

Se ritieni utile il servizio

link sostienici