22 Gennaio 2018

Annullabilità del contratto di cessione di quote di s.r.l. per vizio del consenso

L’inganno è elemento costitutivo della fattispecie di dolo disciplinata dagli articoli 1439 e 1440 del codice civile, nonché presupposto fondamentale sia della domanda di annullamento per dolo determinante sia di quella per dolo incidente. Ne consegue che, l’attore che agisce in giudizio al fine di ottenere l’annullamento di un contratto di cessione di quote è gravato dall’onere di provare di esser stato indotto a concludere un contratto a causa di un errore ascrivibile agli artifici perpetrati dal convenuto. [Come sottolineato dal Tribunale nel caso in esame, la mancata realizzazione di mere previsioni di budget non è, di per sé, elemento idoneo ad integrare gli estremi dell’inganno che, per sua natura, non può che vertere su una circostanza di fatto inesistente che viene affermata come vera.]

 

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2VYW3Nr
Avatar

Eugenio Sabino

Praticante avvocato presso Hogan Lovells Studio Legale - Laurea in Giurisprudenza cum laude, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code