18 Settembre 2017

Bilancio e previsioni statutarie sulla sopportazione dei costi d’esercizio fra soci

Non è proponibile l’impugnazione del bilancio d’esercizio, invocandone la nullità per violazione della clausola generale di chiarezza, dolendosi del fatto che questo contempli una “ripartizione dei costi fra soci” in thesi difforme da quella desumibile dalla disciplina statutaria giacché la voce contabile dei costi è per sua natura unitaria e non può tenere conto di una simile ripartizione, eppur statutariamente prevista. [Nel caso di specie, si trattava di una società partecipata da comuni fra loro contigui, avente ad oggetto la gestione integrata dei rifiuti]

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2CkPpJ2
Avatar

Giovanni Maria Fumarola

Dottore magistrale in giurisprudenza cum laude presso l'Università commerciale "Luigi Bocconi" ammesso al corso di perfezionamento in diritto delle società dell'Università degli Studi di Milano. Praticante avvocato e...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code