3 luglio 2014

Cessione di partecipazioni sociali ed eccessiva onerosità sopravvenuta

L’attore in un giudizio di risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta, non può limitarsi a svolgere una deduzione in realtà meramente ipotetica dei fatti costitutivi della domanda proposta, con conseguente carattere chiaramente esplorativo delle richieste di prova formulate al riguardo, essendo egli gravato dell’onere di dedurre specificamente e quindi di provare i fatti costitutivi della pretesa di risoluzione (e in particolare sia il fatto “sopravvenuto” della sostanziale modifica delle condizioni dello scambio negoziale inizialmente convenuto sia l’addebitabilità di tale scarto a fatti “imprevedibili”).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kIu3hR

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto commerciale...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code