5 Ottobre 2018

Compravendita di partecipazioni: opponibilità al venditore dell’accordo tra acquirente e contraente nominato

L’accordo interno tra il promissario acquirente di partecipazioni sociali e il soggetto dallo stesso nominato ex art. 1401 c.c. quale parte che deve acquistare i diritti nascenti dal contratto non è opponibile al promissario venditore. Pertanto se in un simile accordo è stabilito che il promissario acquirente, anche a seguito della nomina del contraente, conservi la facoltà di richiedere al promissario venditore la corresponsione della penale contrattualmente prevista in caso di risoluzione per il mancato avverarsi di una condizione posta dalle parti, tale clausola non avrà efficacia verso il promissario venditore. Tuttavia, qualora il contraente nominato ex art. 1401 c.c. intervenga nel processo tra il promissario acquirente e il promissario venditore avente ad oggetto la corresponsione della predetta penale, confermando l’accordo dedotto dal promissario acquirente ed aderendo alla sua domanda, allora l’accordo interno avrà efficacia verso il promissario venditore con decorrenza a partire dal momento dell’intervento.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2OM1VHB
Avatar

Pier Paolo Picarelli

Praticante avvocato presso lo studio legale del Prof. Avv. Federico Pernazza.

Segretario della XL Conferenza dei Giovani Avvocati dell'Ordine di Roma.(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code