28 aprile 2014

Concorrenza sleale denigratoria

Integra l’illecito concorrenziale di cui all’art. 2598 c.c. la diffusione da parte di un’impresa di comunicazioni inviate a società della grande distribuzione organizzata con le quali sarebbero state diffidate dal commercializzare taluni prodotti concorrenti (già ritenuti in sede di consulenza tecnica d’ufficio non interferenti con le rivendicazioni di un modello di utilità), laddove tale comunicazione ometta di riferire l’esito negativo della CTU.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kD0EVZ
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code