7 Agosto 2014

Concorrenza sleale mediante storno di dipendenti

Compie concorrenza sleale ai sensi dell’art. 2598, n. 3), c.c., chi, essendo una figura dirigenziale apicale di una società – operante quale agenzia di intermediazione di servizi nel settore della moda –, termina senza preavviso detto rapporto di collaborazione e, contestualmente, costituisce un’altra società concorrente (identità dell’oggetto sociale e dell’attività in concreto svolta) e mette in atto pratiche di storno di collaboratori “strategici”, con l’effetto di sviare buona parte dell’avviamento soggettivamente legato a questi ultimi, a danno della prima società.

La pubblicazione del provvedimento di condanna è superflua qualora la condotta anticorrenziale non sia più attuale e non sussista un apprezzabile interesse della collettività alla cognizione dell’esito del provvedimento.

Non è illecita la condotta del socio-amministratore/dirigente che – dopo la cessazione del rapporto di amministrazione e collaborazione – non restituisce, temporaneamente, il personal computer aziendale, quale strategia di negoziazione nell’ambito delle trattative volte alla risoluzione della controversia, insorta con la società, in ordine alla cessione della propria partecipazione.

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code