22 Gennaio 2016

Contraffazione di marchio e concorrenza sleale per imitazione servile di capi di abbigliamento

Nel giudizio di contraffazione di marchio si adotta il criterio della valutazione globale e sintetica del segno distintivo con riguardo alla componente fonetica, visuale e concettuale. Il Giudice è chiamato a valutare se tra il marchio registrato e il segno distintivo asseritamente in contraffazione sussista una somiglianza visiva, fonetica e/o concettuale, complessivamente apprezzata e di tale intensità da determinare il rischio di confusione per il pubblico, qualora i due segni siano utilizzati per contraddistinguere prodotti o servizi identici o affini.

La concorrenza sleale per imitazione servile ex art. 2598, n 1 c.c. postula l’accertamento del carattere distintivo e della notorietà qualificata dei prodotti imitati (nel caso di specie, capi di abbigliamento), i quali per la loro capacità distintiva devono essere percepiti dal pubblico dei consumatori di riferimento come segno che denota la provenienza da un determinato imprenditore.

Per visualizzare la sentenza devi effetuare la login

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code