18 luglio 2013

Convocazione dell’assemblea e azione di responsabilità sociale

In una s.r.l. deve ritenersi validamente costituita l’assemblea dei soci quando sia presente l’intero capitale sociale e l’amministratore sia stato informato della riunione con regolare lettera di convocazione, ancorché spedita dal socio e non dall’amministratore.

Benché ciò non sia espressamente previsto nella disciplina della s.r.l., deve dedursi che la società è legittimata a proporre l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori.

La decisione dell’assemblea dei soci in punto di esercizio dell’azione di responsabilità deve contenere l’indicazione, pur sintetica, delle condotte illegittime che si addebitano all’organo di gestione e che vanno a integrare i fatti costitutivi della domanda risarcitoria.

La prova del danno al patrimonio sociale provocato dalla perdita di un’attività per mala gestio dell’amministratore non può essere assolta con la semplice indicazione del mancato fatturato conseguente alla condotta dello stesso (nella specie, la perdita della autorizzazione alla custodia di autoveicoli), ma deve essere integrata dalla specifica indicazione della differenza tra i ricavi e i costi di gestione, che la società avrebbe dovuto sopportare per il caso di svolgimento dell’impresa.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kGkU9y
Paolo F. Mondini

Paolo F. Mondini

Fondatore e Responsabile scientifico

Fondatore e responsabile scientifico del progetto di Giurisprudenza delle Imprese, il prof. Paolo Flavio Mondini è Associato di Diritto commerciale e bancario presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza....(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code