2 maggio 2014

Determinazione del danno da contraffazione ex art. 125 c.p.i.

Ai sensi dell’art. 125 c.p.i. il danno da contraffazione deve essere determinato tenendo conto di ” tutti gli aspetti pertinenti, quali le conseguenze economiche negative – compreso il mancato guadagno – del titolare del diritto leso, i benefici realizzati dall’autore della violazione e, nei casi appropriati, elementi diversi da quelli economici”, di talchè ben vi può essere un danno risarcibile anche quando il contraffattore non abbia conseguito utili dalla sua attività illegittima. Ai fini della determinazione del danno da contraffazione, è rilevante valutare anche la diluizione della forza attrattiva del segno contraffatto, a prescindere dal fatto che quest’ultimo goda o meno di rinomanza.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kuuoma
Giorgio Grossi

Giorgio Grossi

Amministratore (giorgio.grossi00@gmail.com)

Avvocato, già tirocinante ex art. 73 d.l. n. 69/2013 presso la Sezione Specializzata in materia d'Impresa del Tribunale di Milano. Cultore della materia presso la cattedra di Diritto Commerciale dell'Università...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code