Diritto di recesso per la modifica dei quorum deliberativi dell’assemblea

La delibera dell’assemblea straordinaria che modifichi i quorum assembleari non legittima il diritto di recesso ai sensi dell’art. 2437, lett. g) c.c., in quanto attiene alla formazione della maggioranza e incide solo indirettamente sul diritto di voto e partecipazione. Il diritto di recesso del socio, oltre a provocare un depauperamento del capitale sociale (fatto negativo per i creditori sociali), costituisce eccezione al principio generale dell’obbligatorietà per tutti i soci delle deliberazioni assembleari e non è suscettibile di estensione a ipotesi diverse da quelle espressamente contemplate; pertanto il diritto di voto di cui all’art. 2437, lett. g) fa riferimento a quello statutariamente attribuito a ciascuna azione, mentre il diritto di partecipazione inerisce all’aspetto patrimoniale relativo agli utili che ciascuna azione attribuisce.

Per visualizzare la sentenza devi effettuare login

Chiara Presciani

Laurea in giurisprudenza con 110 e lode presso l'Università degli studi di Bergamo Dottorato di ricerca in Diritto Commerciale (XXIX ciclo) presso l'Università degli studi di Brescia. Avvocato iscritto all'Ordine di...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code