23 Novembre 2018

Eccezioni sollevabili dalla società emittente nei confronti della società fiduciaria del portatore azioni dematerializzate

La società emittente può sollevare eccezioni personali, ai sensi dell’art. 83-septies TUF, nei confronti del portatore azioni dematerializzate, al fine di inibirne il diritto di voto, anche in seguito al rilascio della comunicazione effettuata ai sensi dell’art. 83-sexies TUF dell’intermediario depositario alla società emittente stessa, perché quest’ultima rappresenta mero titolo di legittimazione e non ha alcun effetto preclusivo in ordine alle eccezioni sollevabili.

Fra le eccezioni personali sollevabili dalla società emittente, ai sensi dell’art. 83-septies TUF, nei confronti del portatore azioni dematerializzate, sono ricomprese tanto le eccezioni che traggano fondamento nel contratto c.d. causale (ossia lo statuto sociale) quanto quelle fondate sui rapporti extra-sociali fra la società emittente e il portatore.

La società emittente può sollevare eccezioni personali, ai sensi dell’art. 83-septies TUF, nei confronti della società fiduciaria cui siano state intestate fiduciariamente azioni dematerializzate fondate su rapporti che intercorrano fra la società emittente e l’azionista fiduciante.

La positiva valutazione dell’Autorità Garante per la Concorrenza e i Mercati (AGCM) in ordine alla compatibilità della detenzione di una partecipazione societaria in una società emittente radiotelevisiva con la disciplina della concorrenza non pregiudica il sindacato dell’autorità giudiziaria in ordine all’invalidità prevista dall’art. 43, comma 5, del Testo Unico della Radiotelevisione (TUSMAR).

L’intestazione fiduciaria non è idonea a garantire l’assoluta segregazione di una partecipazione azionaria, soprattutto perché non si verifica una fattispecie traslativa della titolarità, a differenza della costituzione di un trust con contestuale assegnazione a quest’ultimo.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/341XWga
Avatar

Giovanni Maria Fumarola

Dottore magistrale in giurisprudenza cum laude all'Università commerciale Luigi Bocconi. Cultore in diritto commerciale all'Università degli Studi di Brescia.(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code