1 aprile 2014

Equo compenso: legittima la previsione che lo pone a carico degli organismi di emissione

In tema di equo compenso previsto dall’art. 46 bis l.d.a., il d.lgs n. 154/1997 ha previsto che il contributo in favore degli autori delle opere protette dal diritto d’autore per ogni singola utilizzazione delle stesse sia a carico degli organismi di emissione e non più dei produttori. Con tale intervento normativo il legislatore ha correttamente esercitato i poteri (discrezionali) previsti dalla legge delega n. 53/1996. Deve, pertanto, escludersi la necessità di rimessione degli atti alla Corte costituzionale per illegittimità costituzionale dell’art. 46 bis l.a. per eccesso di delega o per contrasto con l’art. 76 Cost.. Non è, altresì, ravvisabile alcun contrasto con la normativa comunitaria (specificatamente con l’art. 56 TFUE, l’art. 2 direttiva 93/98/CEE e l’art. 3.1. direttiva 2001/29/CEE) che in alcun modo ha vincolato il legislatore nazionale nella scelta del soggetto onerato dall’obbligo del versamento in favore degli autori, imponendogli di individuarlo nel produttore piuttosto che nell’utilizzatore.

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code