Giudizio di contraffazione ed elementi costitutivi del marchio di fatto

Nel confronto tra marchi registrati, in coerenza con la funzione intrinseca del segno distintiva dell’origine del prodotto, l’apprezzamento sulla confondibilità tra segni similari dev’essere compiuto dal giudice non in via analitica, attraverso il solo esame particolareggiato e la separata valutazione di ogni singolo elemento, ma in via globale e sintetica, vale a dire con riguardo all’insieme degli elementi salienti grafici, visivi e fonetici dei marchi interessati, e tenuto conto di tutti i fattori pertinenti, e quindi della notorietà del marchio e del grado di somiglianza tra i prodotti, nonché della normale avvedutezza dei consumatori cui i prodotti o servizi sono destinati. Elemento costitutivo del marchio di fatto è non il semplice uso del segno bensì la sua notorietà qualificata, e questa richiede che il segno abbia acquisito valenza distintiva, imprimendosi nella memoria della clientela, e divenendo capace di esprimere il collegamento tra il mercato, il prodotto e il produttore.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kCf2hm
Avatar

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto commerciale...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code