19 Luglio 2017

Impugnativa della delibera assembleare di aumento del capitale sociale di s.p.a.

La decisione di abbattere e poi ricostituire il capitale all’elevato importo originario non pare né violativa dell’art. 2446 c.c. (costituendo anzi l’archetipo dei provvedimenti a tal fine previsti dal codice), né incongrua.

La legittimazione a dedurre la violazione dei diritti degli obbligazionisti, ove mai esistente, quale causa di annullamento della delibera assembleare di aumento del capitale sociale, non può che appartenere ad essi soltanto.

La spedizione di copia dell’atto all’indirizzo di posta elettronica indicato dalla controparte costituisce adempimento informale che non assolve in alcun modo all’onere del deposito in cancelleria, non dovendosi confondere la norma processuale contenuta nell’art. 170 c.p.c. sulle comunicazioni alle parti costituite dei c.d. biglietti della cancelleria, con quella relativa ai depositi nella stessa (cancelleria) mediante i quali deve tassativamente avvenire la partecipazione all’ufficio giudiziario degli atti di parte; pertanto l’attore deve ritenersi decaduto dalla facoltà di “indicazione dei mezzi di prova e produzioni documentali” per non aver ritualmente depositato la rispettiva memoria nel termine assegnato.

Avatar

Daniela Russo

Avvocato del Foro di Milano

Laurea in giurisprudenza a pieni voti presso l'Università degli Studi di Parma e abilitazione all'esercizio della professione forense presso la Corte d'Appello di Milano. Tirocinio formativo presso la Sezione...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code