10 novembre 2014

“Inputs” creativi e contratto di licenza di marchio nel settore moda

Nel settore delle mode d’abbigliamento si deve supporre che gli “inputs” creativi possano essere solo dei generici suggerimenti estetici e non la principale obbligazione contrattuale.

Per quanto attiene all’effettiva fornitura degli “inputs” creativi, essendo questa, sicuramente, un’obbligazione contrattuale minore e predisposta soprattutto nell’interesse del licenziante, l’approvazione del catalogo ed i suggerimenti di possibili modifiche debbono considerarsi sufficiente adempimento anche di tale previsione contrattuale.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kG2RAj
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code