7 Maggio 2018

Intestazione fiduciaria di quote e limiti probatori

Non essendo richiesta la forma scritta, la prova di un negozio fiduciario (avente ad oggetto l’intestazione di partecipazioni sociali) non soggiace ai limiti probatori dell’art. 2725 c.c., né a quelli dell’art. 2722 potendo dunque la prova di tale negozio essere data anche per testimoni e presunzioni.

Il contratto con il quale, in vista della stipulazione dell’atto costitutivo di una società di capitali, si convenga tra uno dei futuri costituenti ed un terzo che una quota di partecipazione in detta società sarà intestata fiduciariamente, con l’obbligo per il fiduciario di darne conto al fiduciante e di trasferirgli eventualmente in seguito la titolarità della quota, non richiede per la sua validità la forma pubblica prescritta per l’atto costitutivo della società.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2rd6rXU
Avatar

Anna Guadagnin

Avvocato

Nel 2015 ha conseguito l'abilitazione alla professione forense e dal 2017 esercita la professione presso lo Studio Legale Associato BM&A, dedicandosi al diritto commerciale, concorsuale, civile e finanziario. Nel...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code