12 Febbraio 2013

Irregolarità delle scritture contabili e onere della prova

Se è vero che l’imprenditore è tenuto a dar conto attraverso le proprie scritture contabili dell’attività svolta e dei risultati conseguiti, è altrettanto vero che chi voglia sollevare contestazioni al riguardo non può esimersi da un esame adeguato e completo delle stesse e fornire concreti elementi probatori a sostegno del sospetto di falsità di un dato contabile, non potendo rimettere alla CTU la ricerca ed acquisizione dei dati utili (nella specie l’attore si limitava ad evidenziare la non verosimiglianza di un’annotazione contabile, quale rimanenza di bilancio, di un numero pieno pari a euro 500.000, senza offrire alcuna ricostruzione delle scritture della società convenuta) .

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kVMBex
Paolo F. Mondini

Paolo F. Mondini

Fondatore e Responsabile scientifico

Fondatore e responsabile scientifico del progetto di Giurisprudenza delle Imprese, il prof. Paolo Flavio Mondini è Associato di Diritto commerciale e bancario presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza....(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code