21 ottobre 2014

La clausola compromissoria contenuta in un accordo diverso dall’atto costitutivo non è soggetta alla disciplina di cui all’art. 34 del d.lgs. n. 5 del 2003

La clausola arbitrale inserita in un accordo per l’esercizio in comune di un’attività d’impresa, a cui sia poi seguito la costituzione di una società, è soggetta alla disciplina generale di cui agli artt. 809 e ss. c.p.c. e non a quella contenuta nell’art. 34 del d.lgs. n. 5 del 2003, essendo quest’ultima volta a regolare esclusivamente le clausole arbitrali inserite negli atti costitutivi delle società. Di conseguenza, è fondata l’eccezione di incompetenza del giudice a conoscere della controversia relativa al contratto alla luce dell’espressa previsione, in esso contenuta, di una clausola compromissoria che riserva alle parti in lite la nomina di un arbitro ciascuno.

 

manuel.dellinz

Dottorando di ricerca in "Istituzioni e Mercati, Diritti e Tutele" presso l'Università di Bologna, Dipartimento di Scienze Giuridiche, tematica di ricerca: "Diritto delle Società e dei Mercati Finanziari". Cultore...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code