23 Luglio 2020

L’interesse del socio di minoranza all’impugnazione di una delibera assembleare sostituita da altra successiva assunta ai sensi dell’art. 2377 co. 8 c.c.

Il rigetto dell’istanza, effettuata da parte di un socio di minoranza, di sospensione dell’efficacia di una delibera assembleare assunta ai sensi dell’art. 2377 c. 8 c.c. –  sostituente ad ogni effetto quella precedente a sua volta oggetto di istanza di sospensione in un diverso giudizio – fa ritenere che tale socio non abbia un interesse attuale a sentir sospendere gli effetti della delibera precedente.

Nel caso in cui il reclamo contro il rigetto dell’istanza di sospensione della delibera più recente portasse ad una sospensione della stessa ed il ricorrente dimostrasse di avere un concreto interesse – nonché il buon diritto – a sentire sospendere la precedente delibera, si sarebbe in presenza di un mutamento della res disputata e di nuove ragioni di diritto tali da giustificare, ai sensi dell’art. 669-septies co. 1 seconda parte c.p.c., una nuova istanza cautelare in tal senso.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
https://bit.ly/2JU6IZn
Avatar

Tommaso Carcaterra

Laureato presso l'Università degli Studi di Milano. Praticante avvocato presso il dipartimento Corporate M&A dello studio legale Gatti Pavesi Bianchi Ludovici.(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code