6 febbraio 2017

Mancata giustificazione dell’inadempimento del cessionario di quote sociali

In sede di cessione di quota di s.r.l. – in cui il cedente si impegna, contestualmente al trasferimento, a non svolgere attività concorrente e il cessionario al pagamento del prezzo come raetizzato -, a fronte della diffida ad adempiere proposta dell’attore cedente, l’inerzia processuale del convenuto cessionario, che diserti il giudizio, non permette di apprezzare la sua precedente contestazione, opposta in via stragiudiziale, circa l’asserita violazione del patto di concorrenza da parte del cedente.

Tale inerzia deve invero considerarsi processualmente tamquam non esset, identificandosi ossia in  un mancato assolvimento da parte del debitore dell’onere, di cui all’art. 1218 c.c., di giustificare l’adempimento contestatogli, con conseguente condanna del cessionario all’adempimento.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2m3fXW1

Diletta Lenzi

Assegnista di ricerca presso l'Università degli Studi di Trento. Cultrice della materia presso l'Università degli Studi di Firenze. Già dottore di ricerca presso la Università Ca' Foscari di Venezia, dottorato in...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code