14 Giugno 2018

Procedimento cautelare e giudizio di merito: efficacia della misura cautelare e assenza di vincolo rispetto ai criteri di competenza applicabili a future domande di merito

Chiuso il procedimento cautelare e decorso il termine per la proposizione facoltativa del giudizio di merito davanti al medesimo foro, nessun vincolo può ritenersi sussistere rispetto ai criteri di competenza applicabili a future domande di merito.La protrazione dell’efficacia della misura cautelare, quando abbia natura anticipatoria, non contenendo un accertamento idoneo al passaggio in giudicato, non è incompatibile con la successiva proposizione di un giudizio di merito volto a un accertamento con efficacia di giudicato. Non essendovi pericolo di conflitto di giudicati, la misura cautelare non vincola la parte a promuovere il giudizio di merito davanti al tribunale ove è stato presentato il giudizio cautelare, sempre che, in base ai criteri generali e/o speciali, sussistano altri fori competenti in via alternativa.

Il vincolo sulla competenza sui futuri giudizi può venire dalle pronunce della Corte di Cassazione e non da provvedimenti di giudici di merito, tanto meno se provvedimenti cautelari inidonei al giudicato.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2QrepVJ
Avatar

Silvia Di Virgilio

Avvocato del Foro di Milano, titolare di LexAround.me, esperta in consulenza aziendale, proprietà industriale, e-commerce. Gestisco prevalentemente questioni di natura stragiudiziale, dalla contrattualistica al diritto...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code