14 novembre 2013

Proroga ex officio della procedura di amministrazione giudiziaria per gravi e specifiche ragioni

In ragione degli interessi anche di natura pubblicistica sottesi alla gestione coattiva delle società di capitali di cui all’art. 2409 c.c., le omissioni dell’amministratore giudiziale ed il mancato integrale risanamento della società costituiscono gravi e specifiche ragioni che legittimano la proroga ex officio del termine ordinatorio di durata della procedura di amministrazione giudiziaria e rendono  opportuna la sostituzione del commissario giudiziario precedentemente incaricato.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kNftW3

manuel.dellinz

Dottorando di ricerca in "Istituzioni e Mercati, Diritti e Tutele" presso l'Università di Bologna, Dipartimento di Scienze Giuridiche, tematica di ricerca: "Diritto delle Società e dei Mercati Finanziari". Cultore...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code