2 Ottobre 2017

Questioni in materia di rilascio da parte del socio cooperatore escluso dell’abitazione assegnata dalla società cooperativa

Sono fondate le domande esperite da una cooperativa riguardanti l’accertamento della decadenza di un socio cooperatore dall’assegnazione di un’abitazione e la conseguente condanna del medesimo al rilascio dell’immobile assegnatogli in godimento, nonché al pagamento di somme a titolo di canoni non pagati e indennità di occupazione (oltre interessi e rivalutazione monetaria), quando dai documenti prodotti in giudizio risulti: (i) l’assegnazione del bene al socio e la sua esclusione dalla cooperativa, deliberata dal consiglio di amministrazione; (ii) che il socio non ha dimostrato di aver versato le somme da lui dovute a titolo di corrispettivo per il godimento del bene assegnatogli.

In tali casi, l’indennità di occupazione è dovuta in applicazione analogica dell’art. 1591 c.c., il quale, secondo la Corte di Cassazione, costituisce «espressione di un principio riferibile a tutti i tipi di contratto con i quali viene concessa l’utilizzazione del bene dietro corrispettivo» (Cass. nn. 9977/2011 e 15301/2000).

Per visualizzare la sentenza devi effettuare login

gabriele.scaglia

Notaio con sede in Triuggio (MB) e operante in tutta la Lombardia. Dottore di ricerca presso la Scuola di Dottorato "Impresa, lavoro e Istituzioni" dell'Università Cattolica di Milano (curriculum diritto...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code