17 febbraio 2016

Ratio e limiti della pubblicità comparativa. Responsabilità del c.d. terzo interposto

La pubblicità comparativa è idonea a determinare nel consumatore una scelta più consapevole in quanto, quale strumento d’informazione, consente una migliore valutazione dei meriti di ciascun operatore, della qualità delle loro prestazioni e del loro costo. Per costituire un mezzo legittimo d’informazione dei consumatori ed essere lecita, la pubblicità comparativa, oltre a non essere ingannevole, deve confrontare beni o servizi secondo criteri obiettivi.

La pubblicità comparativa, per non essere ingannevole, deve operare una comparazione tra beni omogenei, caratteristiche essenziali e verificabili, non deve ingenerare confusione sul mercato, non deve creare discredito o denigrazione ad un concorrente e non deve procurare all’autore della pubblicità un indebito vantaggio tratto dalla notorietà connessa al marchio o ad altro segno distintivo.

Il titolare di un marchio registrato non è legittimato a vietare l’uso, da parte di un terzo, di un segno identico o simile al suo marchio in una pubblicità comparativa solo quando ricorrono tutte le condizioni di liceità di cui alla direttiva 84/450.

Qualora il soggetto c.d. terzo interposto, benché non concorrente diretto del danneggiato, compie un atto lesivo del diritto del concorrente, agendo per conto ovvero perché è collegato con un concorrente ed é legittimato a porre in essere atti che ne cagionano il vantaggio, è solidalmente responsabile con l’imprenditore che si è giovato della sua condotta.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kFUe8F

Valentina Borgese

Dopo aver conseguito la laurea presso l'Università di Palermo (oggetto della tesi: Le reti d'impresa; relatore Prof. Rosalba Alessi), ha svolto il Tirocinio presso la Sezione Impresa A del Tribunale di Milano...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code