22 marzo 2013

Responsabilità dei liquidatori per distribuzione di un saldo attivo inesistente

Rispondono a titolo di colpa i liquidatori di una società che, senza tenere conto dell’esistenza di un contenzioso, non includono nella contabilità sociale un debito in corso di accertamento e procedono a sciogliere la società e a ripartire le attività sociali.

Il danno liquidabile è tuttavia soltanto quello derivante dalla distribuzione di un saldo attivo inesistente, poiché l’omissione della registrazione di una passività da parte dei liquidatori non è una condotta di per sé generativa di danno, ma un mero fatto ricognitivo, con la conseguenza che può riconoscersi al creditore sociale il solo danno derivante dal non aver tenuto a disposizione di eventuali creditori il patrimonio di cui disponeva la società al momento della liquidazione (e soprattutto di averlo distribuito in presenza di debiti potenziali o, comunque, da prevedersi).

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kFVAR2
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code