15 luglio 2014

Responsabilità per mala gestio dell’amministratore unico deceduto

La totale discrasia tra le risultanze dei bilanci formalmente approvati e la situazione patrimoniale allegata alla domanda di fallimento in proprio, non accompagnata da documenti che giustifichino  gli ammanchi, si sostanzia in una irregolarità nella gestione e comporta la responsabilità dell’amministratore unico deceduto. La conseguente obbligazione di risarcimento del danno, in caso di assenza di eredi, è in capo all’eredità giacente.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kGhEuT

Chiara Presciani

Laurea in giurisprudenza con 110 e lode presso l'Università degli studi di Bergamo Dottorato di ricerca in Diritto Commerciale (XXIX ciclo) presso l'Università degli studi di Brescia. Avvocato iscritto all'Ordine di...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code