3 ottobre 2017

Revoca della facoltà di amministrare una società di persone e nomina di un curatore speciale

Poiché il rimedio di cui all’art. 2259 c.c. rappresenta «un’estrema ratio» all’interno della disciplina delle società di persone, soltanto un «pericolo realmente imminente ed irreparabile» può giustificare la revoca immediata, in via cautelare, della facoltà di amministrare la società. Ciò, a maggior ragione se si considera che l’eventuale revoca di tutti i soci amministratori «condurrebbe inevitabilmente alla paralisi dell’attività sociale», non essendo possibile – per ovviare a tale inconveniente – la nomina di un curatore speciale ai sensi dell’art. 78 c.p.c.: quest’ultimo, infatti, svolge una mera funzione processuale, essendo unicamente deputato «alla rappresentanza in giudizio dell’ente cui manchi (o sia in conflitto d’interessi) il legale rappresentante.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2IcE3bs

Enrico Rino Restelli

Avvocato e dottorando di ricerca in diritto societario e diritto dei mercati finanziari(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code