13 Dicembre 2021

Sequestro giudiziario di un ramo d’azienda in relazione al quale è stato sottoscritto un contratto preliminare di compravendita

Se il rimedio del sequestro giudiziale può ritenersi giustificato già a fronte di un diritto dell’istante che -come spesso accade al sorgere stesso della controversia fra le parti – ancora possa prestarsi a margini di incertezza, o che riguardi non solo il possesso o la detenzione ma la proprietà o titolarità stessa della res controversa; a maggior ragione può procedersi al vincolo sequestratario allorché quel diritto sia già assistito da accertamenti giudiziali o parificati, ovvero la controversia riguardi il solo possesso, ma non già – o non più – la titolarità del bene in contesa.

Per visualizzare la sentenza devi effetuare la login

Chiara Treglia

Praticante Avvocato

Praticante Avvocato presso lo Studio Legale Cavallaro (sede di Roma) e studentessa dell'LLM Program "Corporate ad Commercial Law" presso la Queen Mary University (Londra), ha conseguito la laurea in Giurisprudenza...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code