14 novembre 2014

Società in nome collettivo e intento liquidatorio del socio per fatti concludenti

Il socio di una s.n.c. che abbia anche per fatti concludenti ingenerato negli altri soci e nei dipendenti la volontà di addivenire alla liquidazione della società, non può imputare agli stessi soci e dipendenti un intento corrispondente alla concorrenza sleale, laddove essi, facendo leva sull’affidamento creato in merito alla liquidazione, si siano altrimenti adoperati in altre iniziative imprenditoriali.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2kH4iOZ

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto commerciale...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code