14 Novembre 2014

Società in nome collettivo e intento liquidatorio del socio per fatti concludenti

Il socio di una s.n.c. che abbia anche per fatti concludenti ingenerato negli altri soci e nei dipendenti la volontà di addivenire alla liquidazione della società, non può imputare agli stessi soci e dipendenti un intento corrispondente alla concorrenza sleale, laddove essi, facendo leva sull’affidamento creato in merito alla liquidazione, si siano altrimenti adoperati in altre iniziative imprenditoriali.

Per visualizzare la sentenza devi effettuare login

Giovanni Battista Barillà

Professore Associato di Diritto commerciale presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche dell'Università degli Studi di Bologna, Avvocato in Bologna, è autore di articoli e monografie in materia di diritto commerciale...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code