10 maggio 2016

Sottrazione di file aziendali segreti da parte di un concorrente tramite un ex dipendente

Anche ove si ritenga che non sia provata la titolarità di informazioni riservate e/o di diritti esclusivi di utilizzazione dei programmi informatici, la condotta di una società che copi massivamente una mole sterminata di dati e informazioni riconducibili ad un concorrente costituisce comunque una forma di concorrenza sleale.

Devono essere respinte le domande di risarcimento del danno e di pubblicazione del provvedimento quando non sia emersa la prova di alcun tipo di utilizzo o di tentativo di impiego del materiale illecitamente acquisito mediante copia informatica, con conseguente esclusione di ogni pregiudizio o danno per la parte a cui questo sia stato sottratto.

Maria Luigia Franceschelli

Associate

Dottorato di Ricerca in Proprietà Industriale, Università degli Studi di Milano Avvocato presso Hogan Lovells Studio Legale, IP team(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code