12 giugno 2017

Uso promiscuo del marchio concesso in franchising e criteri di liquidazione del danno reputazionale alla brand image

Viola i diritti ex artt. 20 e 23 del titolare del marchio il franchisee che in un punto vendita c.d. “monomarca” offre in vendita prodotti privi del marchio, prodotti di altri fornitori ma a marchio del franchisor o prodotti recanti un marchio differente da quello del franchisor.

L’illegittima appropriazione dell’avviamento, dei pregi e del know-how, mediante attività svilenti dovute alla vendita di prodotti di qualità inferiore a quelli del franchisor, comporta l’erosione del valore del marchio e della brand image del medesimo, intaccando l’alto posizionamento ed il livello di eccellenza del marchio e dei prodotti che contraddistingue. Questa voce di danno che assorbe quella allegata in termini di danno morale (venendo quest’ultimo a sovrapporsi e coincidere in una società commerciale con quello subito dall’immagine aziendale) non può che essere liquidata in via equitativa, in misura pari ad una quota del danno patrimoniale.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2wtftNU
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code