Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:

Registro e codice:

n° progressivo

anno

3.142 5.733.743 3.217
Sentenze online Sentenze consultate Iscritti alla newsletter
Sentenze online

3.142

Sentenze consultate

5.733.743

Iscritti alla newsletter

3.217

Questo servizio è offerto gratuitamente,
se lo ritieni utile sostienici con una donazione
Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2019
12 Giugno 2018

Clausola compromissoria inserita in un contratto di compravendita di quote di s.r.l.

L’efficacia della clausola compromissoria inserita in un contratto non viene travolta dall’invocata nullità-invalidità dell’intero contratto, atteso che, in base al principio di autonomia (sancito dall’art. 808, co. 2, c.p.c.) la validità di tale clausola deve essere valutata in modo autonomo rispetto al contratto al quale si riferisce. L'art. 34 del decreto legislativo n. 5 del 2003 (che prevede che la clausola compromissoria deve conferire a pena di nullità, il potere di nomina di tutti gli arbitri ad un soggetto estraneo alla società) si applica esclusivamente alle convenzioni [...]
16 Novembre 2018

Contratto di compravendita di quote per persona da nominare

Ai sensi degli artt. 1401 e ss. c.c., in un  contratto di compravendita di quote per persona da nominare, a seguito dell'esercizio del potere di nomina da parte dell'acquirente, il terzo subentra nel contratto e, prendendo il posto della parte originaria, ne acquista i diritti ed assume gli obblighi con effetto retroattivo, dovendo quindi considerarsi fin dall'origine unica parte contraente contrapposta al venditore ed unico legittimato passivo di un'eventuale azione contrattuale di quest'ultimo (cfr. Cass. nn. 7217/2013; 9595/2015 e 23077/2009).  
21 Dicembre 2017

Tutelabilità del layout di locali commerciali e concorrenza sleale

In tema di layout di locali, la ripresa degli elementi di arredo di un locale, in mancanza di prova dell’originalità di tale arredo rispetto al panorama esistente, non è da sola idonea a integrare l’illecito concorrenziale, né sotto il profilo confusorio né sotto il profilo dell’appropriazione di pregi.
6


Vedi tutte le sentenze

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta.

newsletter