Articolo:

trova le sentenze che si riferiscono ad un particolare articolo del codice:

Data:

trova le sentenze pubblicate ufficialmente in una data specifica o in un periodo:

da a

Ente giudicante e luogo:

Registro e codice:

n° progressivo

anno

3.190 5.881.313 3.308
Sentenze online Sentenze consultate Iscritti alla newsletter
Sentenze online

3.190

Sentenze consultate

5.881.313

Iscritti alla newsletter

3.308

Questo servizio è offerto gratuitamente,
se lo ritieni utile sostienici con una donazione
Ultimo aggiornamento: 21 marzo 2019
13 Aprile 2018

Legittimazione degli amministratori all’impugnativa e sospensione della deliberazione negativa di approvazione del bilancio

La legittimazione all'impugnazione di una deliberazione assembleare è attribuita agli amministratori non individualmente ma collegialmente sicché in caso di organo amministrativo pluripersonale è necessaria una deliberazione del consiglio d'amministrazione, imputando, così, la decisione di impugnare all'organo nel suo complesso nel perseguimento della tutela della legalità dell'azione sociale cui esso è preposto. Tale legittimazione non è attribuita al singolo membro del consiglio d'amministrazione neppure nel caso in cui dalla deliberazione in questione discenda ex lege la revoca dell'amministratore [...]
21 Gennaio 2019

Congruità del compenso dell’amministratore e divieto di concorrenza al socio uscente

La delibera che determina il compenso dell'amministratore è legittima se il compenso, pur generoso, è in conformità alla precedente prassi della società. In assenza di espresso divieto nello statuto o nell'atto di cessione, è legittima la delibera con cui una s.r.l. riconosce al socio uscente il diritto di svolgere attività concorrenziale posto che la disciplina delle società di capitali non prevede (diversamente dalla disciplina delle società in nome collettivo, v. art. 2301 c.c.) un generale divieto di concorrenza per il socio uscente.
30 Aprile 2018

Trasferimento di quote di partecipazione di società a responsabilità limitata: i requisiti di forma

Il contratto di trasferimento di quote di partecipazione in una società a responsabilità limitata non richiede la forma scritta né ad substantiam né ad probationem. Invero, la forma scritta non è richiesta affinché l’atto produca i suoi effetti tra le parti, bensì ai fini della sola opponibilità dell’atto stesso alla società e ai terzi. Ne deriva che la prova dell’esistenza del suddetto contratto può essere data con qualunque mezzo istruttorio, incluse le prove indiziarie. La cessione delle quote si perfeziona tra le parti dunque mediante il solo consenso legittimamente manifestato [...]
6


Vedi tutte le sentenze

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi tutti gli aggiornamenti direttamente nella tua casella di posta.

newsletter