15 Ottobre 2013

Apprezzamento sulla confondibilità fra segni distintivi

È principio noto e consolidato, in coerenza con la funzione intrinseca del segno, che l’apprezzamento sulla confondibilità fra segni distintivi similari dev’essere compiuto dal giudice non in via analitica, attraverso il solo esame particolareggiato e la separata valutazione di ogni singolo elemento, ma in via globale e sintetica, vale a dire con riguardo all’insieme degli elementi salienti grafici, visivi e fonetici dei marchi interessati, e tenuto conto di tutti i fattori pertinenti, e quindi della notorietà del marchio e del grado di somiglianza tra i prodotti nonché della normale avvedutezza dei consumatori cui i prodotti o servizi sono destinati.

Per un accesso veloce a questo contenuto
usa lo shortlink:
http://bit.ly/2ktjWLF
oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code