22 gennaio 2013

Concorrenza sleale confusiva e capacitĂ  distintiva del prodotto

L’art. 2598, n. 1), c.c. garantisce una protezione contro la concorrenza sleale c.d. confusoria per imitazione a segni distintivi “atipici” quali sono le caratteristiche estetiche di un prodotto, anche in difetto di registrazione del marchio, purché la c.d. forma-prodotto in questione, oltre a non essere una conseguenza necessitata di esigenze tecnico-funzionali, soddisfi i requisiti di originalità (dovendo cioè rappresentare una soluzione estetica non comune) e di capacità distintiva (i.e. idoneità della forma a ricondurre un prodotto a una specifica impresa produttrice). La valutazione circa la sussistenza del requisito della capacità distintiva di un prodotto deve essere condotta con riferimento al momento in cui viene immesso in commercio il prodotto concorrente del quale viene contestata la natura imitativa.

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code