12 Gennaio 2018

Irregolarità formali e obbligo risarcitorio

Nel giudizio cautelare introdotto dal Fallimento di una s.r.l., avverso il liquidatore della società, già Amministratore Unico della stessa, la violazione degli obblighi gravanti sugli amministratori e sui liquidatori, costituisce presupposto necessario, ma non sufficiente per affermare la responsabilità risarcitoria; sono necessarie, infatti, oltre alla prova del danno, inteso come deterioramento effettivo e materiale della situazione patrimoniale della società, anche la riconducibilità causale di detto danno alla condotta omissiva o commissiva dei liquidatori o degli amministratori. In tale prospettiva, le mere irregolarità formali, tanto nella redazione del bilancio quanto nella tenuta della documentazione contabile, non costituiscono di per sé causa di danno e conseguentemente fonte di obbligo risarcitorio a carico del liquidatore, dovendosi sempre verificare, ai fini risarcitori, l’esistenza di concreti danni patrimoniali sofferti dalla società in conseguenza della condotta dell’organo amministrativo; è peraltro indubbio che artifici o omissioni contabili possano essere segnali rivelatori di condotte censurabili e finalizzate ad occultare distrazioni o a giustificare in via meramente contabile esborsi o utilizzi di finanze societarie, effettuati al di fuori del perseguimento di interessi sociali.

Avatar

Fabio Clarizio

Avvocato in Torino presso Grande Stevens Studio Legale Associato da settembre 2017. Laureato con 110/110 e Lode nel 2016 presso l'Università Europea di Roma con una tesi in Diritto Commerciale sui "Doveri degli...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code