13 maggio 2015

Presupposti dell’azione di responsabilità ex art. 2476 c.c.

 

In forza dell’art. 2476, comma 3, c.c. ciascun socio ha la legittimazione straordinaria a esercitare l’azione di responsabilità contro gli amministratori di s.r.l., nonché, ai sensi del comma 7, anche contro i soci che hanno intenzionalmente deciso o autorizzato il compimento di atti dannosi per la società, i soci o i terzi.

 

Nell’accertamento della predetta responsabilità occorre valutare se gli atti e le omissioni imputati all’amministratore e al socio possano essere considerati contrari ai doveri imposti dalla legge o dallo statuto a chi agisce nell’esercizio della gestione dell’attività sociale e se siano stati causativi di danni per la società, tenuto conto degli scopi da essa perseguiti, essendo irrilevante l’eventuale lesione dei diritti dei soci derivata dai predetti comportamenti: tali diritti, infatti, sono destinati ad essere tutelati, indirettamente, attraverso la tutela dei diritti della società, o, direttamente, attraverso l’esercizio dell’azione di responsabilità di cui all’art. 2476, comma 6, c.c.

 

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code