3 Settembre 2013

Annullabilità del contratto stipulato dall’amministratore in conflitto d’interessi

Qualora l’amministratore in conflitto d’interessi stipuli un contratto dannoso per la società, la domanda  giudiziale volta a farne dichiarare l’annullamento deve essere proposta dalla società nei confronti della controparte contrattuale e non nei confronti dell’amministratore stipulante, il quale, non essendo parte sostanziale del contratto, può essere chiamato a rispondere del danno cagionato alla società solo nell’ambito di un giudizio di responsabilità promosso nei suoi confronti.

Giorgio Grossi

Giorgio Grossi

Amministratore

Avvocato, già tirocinante ex art. 73 d.l. n. 69/2013 presso la Sezione Specializzata in materia d'Impresa del Tribunale di Milano. Cultore della materia presso la cattedra di Diritto Commerciale dell'Università...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code