2 Agosto 2017

Azione di responsabilità del curatore fallimentare e opponibilità al fallimento delle rinunce e transazioni

La domanda di accertamento della responsabilità dell’amministratore verso la società (art. 2393 c.c.) introdotta dal Fallimento con l’atto di citazione può essere modificata in accertamento della responsabilità verso i creditori sociali (art. 2394 c.c.) nell’ambito della prima memoria ex 183 c.p.c.. La modificazione della domanda ammessa ex art. 183 c.p.c., infatti, può riguardare anche uno o entrambi gli elementi oggettivi della stessa (“petitum” e “causa petendi“), sempre che la domanda così modificata risulti comunque connessa alla vicenda sostanziale dedotta in giudizio e senza che, perciò solo, si determini la compromissione delle potenzialità difensive della controparte, ovvero l’allungamento dei tempi processuali.

Nelle s.r.l. è ammissibile l’esercizio dell’azione di responsabilità dei creditori sociali, dovendosi applicare analogicamente l’art. 2394 c.c.

Gli atti di mala gestione che siano stati oggetto di una rinuncia o transazione ex art. 2393, co. 5, c.c. non possono fondare neanche l’azione di responsabilità dei creditori ex art. 2394 là dove la rinuncia o transazione non sia stata precedentemente oggetto di un’azione revocatoria ai sensi dell’art. 2394, ult. co.

Avatar

Chiara Presciani

Laurea in giurisprudenza con 110 e lode presso l'Università degli studi di Bergamo Dottorato di ricerca in Diritto Commerciale (XXIX ciclo) presso l'Università degli studi di Brescia. Avvocato iscritto all'Ordine di...(continua)

oppure usa questo QR code:
Scan the QR Code